Te lo dico in rima

Addio

                                                              (A mia madre)

Mano nella mano,
mi sostenevi
poi tu, ti appoggiavi a me.
Ci voltavamo a guardare
le impronte
impresse sulla spiaggia
che le onde presto,
rapivano.
Nel rosso di una sera,
mi hai accarezzato i riccioli
ribelle, tornavo bambina.
Avrei voluto urlare,
piangere, rincorrere il destino,
disperdere nell’onda
le lacrime di un dolore,
ma non potevo,
sapevo che quello era
il tuo ultimo saluto,
non potevo lasciarti
l’amarezza di un addio,
il più tenero,
il più forte,
il più doloroso
che io abbia mai vissuto.

Laura Marchetti

(Immagine dal web)

Commenti

banner_RSA San Camillo Sora


loading...