Lo sapevate che...

LO SAPEVATE CHE…E’ DI GALLINARO LA MODELLA CHE DIEDE LA SUA IMMAGINE AL FRANCO E ALL’EURO FRANCESE

Lo sapevate che…fu Rosalina Pesce di Gallinaro – località Frattone –  a posare per lo scultore Oscar Roty per realizzare una moneta d’argento francese?

Artefice della clamorosa scoperta è stato il prof. Michele Santulli, stimato storico della terra ciociara.

Da un suo brano intitolato “La ciociarella più famosa della Francia” si legge:

Verso la fine del 1800 uno scultore parigino Oscar Roty, molto accreditato per i meriti artistici e le sue qualità, aveva ricevuto dal Governo l’incarico di proporre un bozzetto per la nuova monetazione d’argento che si intendeva mettere in circolazione. Così un giorno per le strade di Montparnasse, all’epoca letteralmente rigurgitanti di modelle e modelli ciociari, notò questa ragazzina di nome Rosalina, che aveva all’incirca quattordici-quindici anni. Sebbene disponesse e collaborasse con decine di altre modelle e modelli per i suoi lavori, Roty si invaghì del sembiante e della figura di Rosalina paludata nel suo bel costume ciociaro e vide in lei la immagine che gli aleggiava in testa: la invitò dunque a posare nel suo studio sempre a Montparnasse, dopo aver patteggiato il prezzo per le sedute. E così avvenne.

Sul bozzetto realizzato da Oscar Roty, è raffigurata una semeuse – seminatrice – con il berretto frigio che semina il terreno, durante il sorgere del sole e con il vento di fronte che le solleva i capelli e gli abiti.

Il suo modello, creato per le monete d’argento della Terza Repubblica francese, fu riutilizzato sia nel 1960 per il nuovo franco sia illustrato, dal 1903 al 1941, su una serie di francobolli.

Oggi è diventato uno dei tre simboli, accanto al busto di Marianne e all’albero, scelti dalla Francia per essere rappresentati sulle facce nazionali dell’euro.

L’immagine della Seminatrice, rivista in chiave moderna dal francese Laurent Jorio, è infatti raffigurata sui 10, 20 e 50 centesimi di €.

 

 

Commenti

banner_RSA San Camillo Sora


loading...