Comunicati Stampa CULTURA E INTRATTENIMENTO

SORA – ‘IL REGIONALE DELLE SEI E QUARANTRATRE’, PER GLI INCONTRI DEL CENTRO STUDI PATRIARCA

di Gianni Fabrizio

Il prossimo incontro del ciclo Storia Arte Cultura organizzato dal Centro di Studi Sorani “V. Patriarca”, con il patrocinio del Comune di Sora/Assessorato alle Politiche culturali, è in programma venerdì 17 novembre 2017, alle ore 17, nella Sala “V. Simoncelli” della Biblioteca Comunale di Sora in Piazza S. Francesco.

Il prof. Marcello Carlino, dell’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”, è stato invitato a parlare del suo recente romanzo Il regionale delle sei e quarantatré, pubblicato da Robin Edizioni di Torino. «Per lo spaccato della vicenda e per i suoi risvolti metaforici – si legge nella bandella di copertina – lo si può intendere come il romanzo di un pendolare: un romanzo al di fuori degli schemi di genere convenuti, segnato da aperture allegoriche, condotto in chiave tragicomica e grottesca con una cura speciale per il montaggio narrativo, per la rete dei rimandi letterari, per la struttura del linguaggio». Insomma un’esperienza davvero singolare: sulle carrozze in movimento, a causa di uno di quelle disfunzioni non rare di cui sono vittime i pendolari, «trabalzano frammenti del nostro vivere sociale – avverte sempre la bandella di copertina -, con il suo sciame di incoerenze, di frustrazioni e di disagi». Di Marcello Carlino, per tanti anni docente alla Sapienza, abituale protagonista degli incontri promossi dal Centro di Studi Sorani, si conoscono i numerosi saggi e articoli nel campo della teoria e della critica letteraria e in quello della storia della letteratura del Novecento. In questo stesso 2017, con il saggio sulla funzione e il valore della metamorfosi nella Commedia di Dante, ha inaugurato la collana del Centro di Studi Sorani verso il settimo centenario della morte di Dante (1321-2021). Leggere e gustarsi ora la prima opera narrativa di Marcello Carlino sarà una piacevolissima scoperta. E il nome del protagonista rimarrà ignoto: «D’altra parte che importa il nome?» è la domanda che chiude il romanzo: «Per il racconto un nome o l’altro non fa differenza: alla letteratura che si conviene non convengono i nomi».

Nell’incontro del prossimo 17 novembre sarà il sempre bravo a applaudito Vincenzo D’Alfonso, Colonnello paracadutista in pensione, presidente della Federazione teatrale volsca, a offrire un saggio di lettura di alcune pagine del romanzo.

Verranno date presto informazioni sugli appuntamenti che si susseguiranno nel calendario delle iniziative del Centro di Studi Sorani.

 

Commenti

banner_mastrazze
loading...