Comunicati Stampa CULTURA E INTRATTENIMENTO

SORA – SABATO LA PRESENTAZIONE DEL LIBRO ‘BRIGANTAGGIO POSTUNITARIO UNA STORIA TUTTA DA SCRIVERE”

Immagine generica tratta dal web

Riceviamo e pubblichiamo:

Nell’ottica di un cammino di cooperazione e di rete fra Associazioni attive sul territorio e con lo scopo di una corretta promozione delle Nostre Terre e della restituzione di una oggettività Storica a quelle che sono le nostre Radici, L’Associazione Identitaria Alta Terra di Lavoro, in collaborazione con l’Associazione Babbaceglie, presenta il Libro di Fernando Riccardi “Brigantaggio Postunitario Una Storia Tutta da Scrivere”.

Sabato 25 Marzo, alle ore 16:30, nella cornice offerta da Bibliotè, libreria e caffetteria, ci sarà un interessante incontro in cui si avrà l’occasione di sentire una storia conosciuta ma troppo spesso raccontata in modo fazioso e quanto mai lontano dal nostro punto di vista, quello del Sud.

Fernando Riccardi, giornalista e storico fra i massimi esperti sul periodo del brigantaggio, offrirà uno squarcio di verità attraverso cui sarà possibile ripensare agli accadimenti che ci hanno fatto Nazione con altro occhio e spirito critico.

Un’opera importante ed imponente, quella che lo storico e l’Associazione Identitaria Alta Terra di Lavoro si prefiggono, portare in giro per l’Italia una storia raccontata dai vinti, da quelli che oltre all’onta della sconfitta hanno dovuto subire anche la demonizzazione, lo scherno e la privazione della dignità.

Contadini, padri di famiglia, madri affettuose, uomini e donne semplici che si macchiarono del solo crimine di difendere la propria Terra o semplicemente, di non sottomettersi mai a quello che era visto come un invasore.

Diventarono Briganti e Brigantesse, bestie feroci, diavoli, assassini e ladri, loro malgrado.

Il 25 Marzo in Via Lucio Gallo 13, a Sora, si discuterà del periodo che più ci ha segnato e che più sentiamo vicino, quello che dalla fine del 1700 alla seconda metà del 1800 ha bagnato il nostro territorio di sangue ed ha gettato le basi per il Paese che viviamo adesso, con tutte le sue contraddizioni.

 

Commenti

GARDEN Center Sora


loading...