Comunicati Stampa Sport

TRASFERTA FRANCESE IN DOPPIA VESTE DI PILOTA ED ORGANIZZATORE – LE IMPRESSIONI DI WILLIAMS ALONZI

Riceviamo e pubblichiamo:

Trasferta francese nella doppia veste di pilota ed organizzatore per il portacolori del MotoClub Franco Mancini 2000,  Williams Alonzi, presente  Nel week end appena trascorso, in Francia nei pressi di Saint-Etienne, esattamente nella cittadina di Marlhes, ad una gara valida per il campionato francese ed ultima tappa del campionato svizzero. Tra i circa duecento piloti che hanno preso parte alla gara, Alonzi (Willy) ha partecipato come wild card del campionato svizzero gareggiando nella classe SBK fino a 1300cc. in sella ad una Aprilia RSV 1000. Il pilota del Techno Racing Team, che ricopre anche l’incarico di direttore sportivo all’interno del M.C. Franco Mancini 2000, al suo rientro da questa trasferta transalpina ha trasmesso queste  impressioni:

“In qualità di pilota posso dire che si è  trattato di un tracciato molto difficile da memorizzare,  con punte di oltre  duecento quaranta km/h. Chiaramente – prosegue Alonzi – queste alte velocità non consentite nelle gare italiane non aiutano certo nella memorizzazione del tracciato. Sono abbastanza soddisfatto del mio risultato sportivo, anche se senza i problemi di frizione che hanno afflitto la mia moto, la domenica avrei fatto un crono sicuramente migliore. Per quanto riguarda la visione da organizzatore – prosegue Alonzi che è anche organizzatore della Poggio-Vallefredda – devo dire che si è trattato di una gara organizzata bene, ma in maniera molto spartana senza badare troppo ai fronzoli e dove tutto ha funzionato per il meglio. Una cosa che mi ha colpito molto è stato vedere bambini di dieci anni prendere parte alla gara, cosa da noi proibita, per gareggiare in salita occorre la maggiore età, trovo che la Federation Francaise Motocyclisme (FFM) abbia fatto una scelta coraggiosa, ma propedeutica per il nostro sport e mi sento di approvarla in toto. Ho avuto modo di poter apprezzare anche altri dettagli che tenterò di trasferire nella Poggio-Vallefredda. Mi corre anche l’obbligo – conclude il pilota isolano – di ringraziare la FIRR di Castelliri, la MTM di Sora, la REAL CAFFE di Frosinone e la METALBEST di Isola del Liri che hanno supportato me ed il Techno Racing Team in questa trasferta. Ultima cosa è  stato il notevole afflusso di pubblico che a fronte di un costo di cinque euro sono stati circa in duemila a far da cornice a questa gara”.

Commenti

banner_RSA San Camillo Sora


loading...