ACEA DISSERVIZI

ARPINO – RUBINETTI A SECCO, MONTA LA PROTESTA

Le verifiche sono in corso ma per ora restano al secco i rubinetti di abitazioni, studi professionali ed attività commerciali e di servizio in parte del centro storico. E le proteste fioccano, al punto tale che qualcuno stamane avrebbe chiamato il 112 una volta appurato che i serbatoi sono rimasti vuoti, cioè che il già razionato flusso idrico non li ha riempiti.

Sarà per questo che sempre stamattina in paese è comparso personale di Acea munito di attrezzi con i quali effettuare i necessari accertamenti in modo da stabilire come mai a diverse utenze non arriva la costosissima acqua. A quanto pare il problema, di cui già ci siamo occupati ieri, non sarebbe stato risolto con la concreta possibilità di interruzione o sospensione delle attività.

Da qui la pressante richiesta delle autobotti che riforniscano chi è rimasto a secco. ‘Sono otto giorni che subiamo disagi – lamentano nei pressi del Palazzo comunale – ma la soluzione non si trova. Mandassero le autobotti! Abbiamo pure chiamato i carabinieri – confermano – e poco dopo sono arrivati due operai ma l’acqua ancora non si vede e qui rischiamo di chiudere. Non ci bastava la pandemia, ora ci si mette anche Acea‘. (nella foto di questa mattina un’auto di Acea in piazza Municipio)


Dolce Mimi Scarpetta Carrelli, Pneumatici nuovi e usati

GARDEN Center Sora Pasticeria, Gelateria, Catering Caruso