CRONACA Notizie

L’ORSETTA MORENA TORNERA’ IN NATURA

(ANSA) – PESCARA – Verra’ rilasciata in natura l’orsetta Morena, trovata lo scorso 22 maggio nel territorio comunale di Villavallelonga (L’Aquila) e affidata al Parco nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise (Pnalm). Si tratta del primo esperimento di questo tipo in Italia e, verosimilmente, anche in Europa. L’orso marsicano e’ una specie a forte rischio di estinzione: la popolazione numerica, sebbene stabile negli ultimi anni, e’ stimata in 50 individui. Trovata dai cittadini di Villavallelonga, l’orsetta – della madre non c’era alcuna traccia – e’ stata svezzata con grande successo dagli esperti del Pnalm. La sfida che ora si pone il Parco e’ quella della eimmissione in natura. E’ pero’ difficile ipotizzare le probabilita’ di successo, anche perche’ i rischi sono molti, legati sia alla fase di crescita che a quella del rilascio. Tutto si basa sulle caratteristiche e sull’indole del cucciolo ed e’ fondamentale che, subito dopo il rilascio, l’orsetta non abbia contatti con l’uomo. Il programma di recupero, frutto di un protocollo elaborato con la consultazione di esperti nazionali e internazionali, siglato con la collaborazione del Corpo forestale dello Stato, prevede, dopo lo svezzamento, gia’ avvenuto, l’isolamento del cucciolo in un’area seminaturale. Il cibo – frutta e insetti – verra’ fornito in tempi e posti diversi, nascosto e sparpagliato nel recinto, in modo da favorirne la ricerca attiva da parte del cucciolo, stimolarne la curiosita’ e ridurre i potenziali comportamenti tipici degli animali in cattivita’. Periodo e luogo del rilascio, non ancora definiti, rappresentano due elementi cardine.  Verrà rilasciata in natura l’orsetta Morena, trovata lo scorso 22 maggio nel territorio di Villavallelonga (L’Aquila) e affidata al Parco nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise. È il primo esperimento di questo tipo in Italia; verosimilmente, anche in Europa. L’orso marsicano è specie a forte rischio estinzione: la popolazione, stabile negli ultimi anni, è stimata in 50 esemplari. Trovata dai cittadini, è stata svezzata da esperti del Pnalm. La sfida per il Parco è di reimmetterla in natura.

“Si tratta di una sfida che il Parco ha voluto affrontare ci stiamo cimentando in un’attivita’ molto nuova. Abbiamo consultato i migliori esperti al mondo per quanto riguarda le metodologie da seguire. I nostri addetti di
tutti i settori stanno dando del loro meglio per fare in modo che questa iniziativa possa avere un esito positivo. Le possibilita’ di fallimento, in ogni caso, sono molto elevate, a causa dei vari problemi di carattere etologico ed ecologico”. Cosi’ il direttore del Parco nazionale d’Abruzzo Lazio e Molise (Pnalm), Dario Febbo, in merito all’operazione del ritorno in natura dell’orsetta Morena. “Ci siamo impegnati ad aggiornare e informare periodicamente sul percorso intrapreso – spiega il presidente del Parco, Antonio Carrara – e’ un’operazione difficile che abbiamo voluto intraprendere. Circa 20 anni fa alcuni turisti tedeschi trovarono un’altra orsetta, Lauretta: oggi vive ancora nel Parco, in cattivita’. In questi anni nel mondo sono state sperimentate esperienze diverse e quindi, fin dall’inizio, abbiamo deciso di percorrere questa strada. Uno degli elementi che puo’ caratterizzare l’Abruzzo, renderlo riconoscibile e farlo conoscere al mondo e’ proprio la presenza dell’orso marsicano”. “Vedo qualcosa di nuovo – commenta il comandante regionale della Forestale, il generale Ciro Lungo – il fatto che oggi siamo qui tutti insieme e’ importante e, in particolare, e’ importante la presenza della Regione, perche’ senza di essa la conservazione dell’orso diventa impossibile nonostante i nostri sforzi. Si tratta di un interlocutore che non sempre in passato c’era. E’ una scelta difficile quella di provare a reimmettere l’orsetta in natura, ma la condividiamo. Senza il coraggio non si va da nessuna parte. Noi saremo a disposizione ora e in futuro”. “Sono orgoglioso di questa bellissima cosa fatta dal Parco e dal Cfs – dice l’assessore regionale ai Parchi, Donato Di Matteo – che avete fatto voi del parco insieme a cfs. Ci tengo a sottolineare la qualita’ e l’altissimo livello delle persone che abbiamo all’interno dei Parchi. L’orso e’ un animale bellissimo, e’ il simbolo del nostro Abruzzo e rappresenta l’elemento di grande importanza che c’e’ nel sistema dei parchi, nonche’ un elemento positivo dal punto di vista turistico ed economico”. “Deve esserci attenzione per quanto riguarda la vita di tutti i tipi di animali che popolano un’area in cui e’ conservata la biodiversita’. Dobbiamo promuovere meglio il nostro sistema delle aree protette e la nostra montagna – aggiunge Di Matteo – Le logiche individuali, spesso, in passato, hanno portato a contributi polverizzati a vario livello. Bisogna cominciare a ragionare come una rete delle aree protette d’Abruzzo. Stiamo tentando insieme ai presidenti dei Parchi e delle aree protette nuovo approccio della commercializzazione, della promozione e della vendita del nostro territorio. Bisogna poi riequilibrare il rapporto tra costa e montagna”, conclude l’assessore.

Commenti

Vanistyle, Parrucchiera, New Opening Scarpetta Carrelli, Pneumatici nuovi e usati

GARDEN Center Sora Pasticeria, Gelateria, Catering Caruso