COMUNE Comunicati Stampa CULTURA E INTRATTENIMENTO Notizie

RICORDO DELLE FOIBE, IL 10 FEBBRAIO LE CELEBRAZIONI DEL COMUNE DI SORA

L’Amministrazione Comunale di Sora celebrerà martedì 10 febbraio 2015 il “Giorno del Ricordo”, in memoria delle vittime delle foibe e dell’esodo giuliano-dalmata.

Istituito con Legge n. 92 del 30 marzo 2004, il Giorno del Ricordo vuole rammentare, in particolare alle future generazioni, i tragici avvenimenti che coinvolsero, dall’8 settembre del 1943 fino a tutto il 1946, ben 350mila italiani residenti in Istria, a Fiume e nella Dalmazia. Migliaia di persone furono costrette ad abbandonare la loro terra, incalzate dalle bande armate jugoslave e trovarono la morte nelle foibe e nei campi di concentramento titini, avendo, come unica colpa, quella di essere italiani.

Per fare memoria di questa dolorosa pagina della Storia, il Sindaco Ernesto Tersigni ha predisposto, presso la Sala Polivalente “Vittorio De Sica” in Piazza Mayer Ross, una cerimonia che si articolerà in due fasi nella mattinata del 10 febbraio.

Alle ore 8.45 è previsto un momento rivolto alle giovani generazioni affinché riflettano sui tragici avvenimenti legati alle foibe. L’animatore culturale Davide Fischanger terrà un interessante e coinvolgente laboratorio di Lettura Animata sul tema della giornata, pensato per gli alunni delle ultime classi delle Scuole Secondarie di Primo Grado.

Seguiranno, alle ore 10.30, i saluti istituzionali del Sindaco Ernesto Tersigni e delle Autorità presenti che apriranno la seconda parte della giornata. Sarà possibile ascoltare toccanti interventi musicali eseguiti dalla “Giovane Orchestra” dell’Istituto Comprensivo Sora 3° “E. Facchini”. Vincenzo D’Alfonso proporrà delle significative letture sceniche di brani tratti da testimonianze dell’epoca. Previsto l’intervento di Rodolfo Damiani, in veste di testimone e storico. Speaker della cerimonia sarà la giornalista Ilaria Paolisso.


Dolce Mimi Scarpetta Carrelli, Pneumatici nuovi e usati

GARDEN Center Sora Pasticeria, Gelateria, Catering Caruso