Comunicati Stampa CULTURA Notizie

ALVITO – PREMIATI I VINCITORI DEL PREMIO VAL DI COMINO

Il Teatro Comunale d’Alvito organizzato di tutto punto e in perfetta adesione ai protocolli Governativi, applausi a scena aperta e ancora un successo, che si rinnova dal 1976.

“Il prestigio di un riconoscimento letterario – sottolinea il fondatore Gerardo Vacana – è tutto nella scelta dei premiati, ma non solo. Sono passati da qui i più grandi scrittori italiani, tutti in qualche modo rimasti legati al territorio ed all’iniziative del Centro Studi Letterari che organizza l’evento. Premiamo Edith Bruck, dopo che nel 1987 lo stesso riconoscimento andò al consorte, il compianto Nelo Risi. Un evento affezionato come pochi alla Val di Comino ed alla Ciociaria, nato proprio allo scopo di promuoverla e salvaguardarne la bellezza”.

Domenica 24 ottobre, nell’incantevole Teatro Comunale Alvito, si è segnato un nuovo successo. Una platea
composta e ben organizzata, dicevamo, alla presenza delle massime autorità civili, militari e religiose, ha applaudito i vincitori dell’edizione 2021.

Il Premio quest’anno è stato assegnato per la Poesia Maura Del Serra, con il volume In voce (Petite Plaisance, Pistoia); Premio Speciale alla Carriera a Edith Bruck; per la Saggistica letteraria ad Alberto Asor Rosa per l’insieme della sua opera; Menzione speciale Saggistica storica a Benedetto Di Mambro con Aenigmata Casinensia (Pontone, Cassino); per il Giornalismo a Maurizio Molinari, Direttore de “la Repubblica”; per il Teatro ad Alessandro Haber.

La giuria del “Val di Comino”, lo ricordiamo, Presieduta da Giovanna Ioli, annovera Marcello Carlino e lo stesso Vacana.

Il Premio, dopo la cerimonia di premiazione e un suggestivo recital delle pagine di Del Serra e Bruck, affidato a Dionisio Paglia, ha concluso la serata con un applauditissimo concerto d’onore. Maurizio Turriziani al contrabbasso, Manuel Caruso al pianoforte con narrazione in voce di Maurizio Agamennone, hanno deliziato il pubblico con uno straordinario programma musicale dal titolo “4 secoli, un contrabbasso”.